cosè il Mistrà – what is the Mistrà

cosè il Mistrà – what is the Mistrà

Il Mistrà è un liquore che veniva ricavato distillando una quindicina di litri di buon vino vecchio per ottenere almeno un litro e mezzo di alcool a 70 gradi, questo poi veniva allungato con poca acqua di sorgente purissima per renderlo bevibile.

La distillazione si effettuava con degli alambicchi molto semplici, un contenitore di vetro pesante, una serpentina di rame lunga un metro e mezzo, un sughero bucato, un secchio e una bottiglia per il distillato.

Questa operazione di solito si eseguiva d’inverno quando nevicava, primo perché questa la si usava per raffreddare la serpentina in modo da riportare il vapore alcolico allo stato liquido, secondo i dazieri all’epoca non viaggiavano di solito quando cerano forti nevicate, perchè distillare alcol ora e come sempre è severamente proibito e punito dalla legge.

Il Mistrà era una bevanda molto preziosa e rara, non tutti erano capaci, quindi raramente veniva bevuto puro a parte come anestetizzante nei terribili mal di denti, sopratutto serviva come aromatizzante al poco piacevole sapore del caffè d’orzo, oppure per preparare i dolci di carnevale come, fregnacce e scroccafusi, oppure a Pasqua nelle ciambelle, ci si facevano anche delle semplici ciambellette (ciambelline) cotte al forno che venivano offerte per lu vocco (spuntino) da inzuppare nel vino ai vicini che erano venuti ad aiutare nei giorni de lo mete (mietitura) e de lo vatte (trebbiatura).

 

 

Mistrà is a liqueur that was obtained by distilling about fifteen liters of good old wine to obtain at least one and a half liters of alcohol at 70 degrees, this was then diluted with a little pure spring water to make it drinkable.
The distillation was carried out with very simple stills, a heavy glass container, a copper coil one meter and a half long, a holed cork, a bucket and a bottle for the distillate.

This operation was usually carried out in winter when it snowed, first because this was used to cool the coil in order to restore the alcoholic vapor to the liquid state, secondly, the customs officers at the time did not usually travel when there was heavy snow, because distilling alcohol now and as always is strictly prohibited and punished by law.

Mistrà was a very precious and rare drink, not everyone was capable, so it was rarely drunk alone as an anesthetizer in terrible toothaches, above all it was used as a flavoring to the unpleasant taste of barley coffee, or to prepare desserts carnival like, shit and scroccafusi, or at Easter in donuts, they also made simple donuts (donuts) cooked in the oven that were offered for lu vocco (snack) to be dipped in wine to the neighbors who had come to help in the days of meta (harvest) and de lo vatte (threshing).